Benvenuti nel sito del Comune di Rivarone

img_0195.jpg

DIVIETO DI COMBUSTIONE ALL'APERTO

Dal 1 ottobre 2019 fino al 31 marzo 2020 torna in vigore l'Ordinanza Sindacale n. 2/2017 che ordina:

"In attuazione del “Nuovo Accordo di Programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell’aria nel Bacino Padano” e in conformità alla D.G.R. della Regione Piemonte n. 42-5805 del 20 ottobre 2017, nel periodo compreso tra il 01 ottobre di ogni anno e il 31 marzo dell’anno successivo, il divieto di combustione all’aperto del materiale vegetale di cui all’articolo 182 comma 6-bis del decreto legislativo n. 152/2006 in tutti i casi previsti da tale articolo. Per tale provvedimento stabile non è ammessa alcuna deroga, tranne che per i seguenti motivi:

Ø  in presenza di emergenze fitosanitarie, nei soli territori, periodi, colture e con le modalità indicati dal Settore Fitosanitario e dai Servizi Tecnico-Scientifici della Regione Piemonte;

Ø  in presenza di suoli asfittici, ove l’interramento delle paglie generi un accumulo indesiderato di sostanza organica indecomposta, identificati dal Settore Fitosanitario Regionale, e solo se non sia possibile l’allontanamento delle paglie."

Prossima scadenza per l'acconto IMU e Tasi: 16 giugno 2019*.

E' possibile richiedere presso gli uffici comunali i calcoli e gli F24 compilati per il pagamento.

Le aliquote sono invariate come da deliberazione C.C. n. 9 del 21/06/2012.

Aliquota ordinaria IMU: 0,86%

Aliquota ridotto IMU per fabbricati rurali ad uso strumentale: 0,2%

Terreni Agricoli: Il territorio di Rivarone è Presente nella Circolare 9 Giugno 1993 del Ministero delle Finanze come Parzialmente delimitato (PD)
- Esenti i terreni agricoli ubicati nel territorio parzialmente delimitato (fogli 1-2-5)
- Esenti i terreni agricoli posseduti e condotti da Coltivatori Diretti e IAP con iscrizione previdenza agricola

Aliquota Tasi: 0,1%

(*) La scadenza del saldo è il 16 Giugno ma, cadendo di domenica è rinviata a Lunedì 17 Giugno.

Ogni mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 9.30 presso gli Uffici Comunali sarà presente il comandante della Stazione Carabinieri di Bassignana per il Punto di Ascolto dei Carabinieri con i cittadini. Chi ha necessità può incontrarlo per dubbi, informazioni, segnalazioni.

CIE: Carta d'Identità elettronica.

Per richiedere la Carta d’Identità elettronica (CIE) è necessario FISSARE UN APPUNTAMENTO telefonando in Comune al n. 0131/976127.
L'interessato dovrà essere presente anche se minore, i tempi per l’acquisizione e l’inserimento dati, foto, impronte digitali, firma si aggirano sui 20 minuti.
La carta d’identità elettronica non sarà consegnata al momento della richiesta ma, verrà spedita dall’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato entro 6 giorni lavorativi circa. Pertanto i cittadini che hanno il documento in scadenza  sono invitati a richiedere il documento con buon anticipo.

Se i dati anagrafici non sono congruenti con quelli presenti nell’archivio dell’Agenzia delle Entrate, non sarà possibile rilasciare la nuova CIE. Pertanto, è opportuno verificare che le generalità riportate nel codice fiscale e quelle indicate nella carta d’identità in scadenza siano le stesse.
Nel caso si riscontrino delle difformità, è necessario rivolgersi per tempo all’Ufficio Anagrafe per risolvere le incongruenze.

La Carta d'Identità cartacea è valida fino alla sua naturale scadenza.

Costi per la CIE:

- prima emissione € 23,00

- emissione per smarrimento, deterioramento € 30,00

- La Regione Piemonte, con  determinazione dirigenziale n. 1083 del 09/04/2019, ha disposto la revoca dello stato di massima pericolosità incendi boschivi , a partire dal giorno 10 aprile 2019, su tutto il territorio del Piemonte.

DD n. 1083 del 09/04/2019

- La DD 742 del 12/03/2019 della Regione Piemonte determina lo stato di massima pericolosità per incendi boschivi, a partire dal giorno 13.03.2019, su tutto il territorio del Piemonte, ai fini della Legge n. 353/2000 e legge regionale n. 15/2018. La cessazione dello stato di massima pericolosità sarà stabilito con successiva determinazione della Dirigente del Settore Protezione civile e Sistema Antincendi Boschivi, al cessare delle condizioni meteorologiche di rischio.

- La DD307/2019 della Regione Piemonte determina la revoca dello stato di massima pericolosità per incendi boschivi a far data dal 06.02.2019.

- La DD 4300 del 28.12.2018 della Regione Piemonte, ha dichiarato lo Stato di massima pericolosità incendi boschivi su tutto il territorio regionale, a partire dal giorno 30.12.2018.

Si ribadisce che ai sensi dell'art. 10 c.2 della L.R. 17/2018 "è vietato l'abbruciamento di materiale vegetale di cui all'art. 182 c. 6bis del D.Lgs 3 aprile 2006, n. 152 (norma in materia ambientale) su tutto il territorio regionale, nel periodo compreso tra il 1° novembre ed il 31 marzo dell'anno successivo".